logoappstyle

Contatti :

Tel. 3339781865

appstyle@outlook.it

logoappstyle

by

logolinktree

facebook
instagram

Il rischio finanziario

2021-02-10 18:31

Giuseppe

Finanza, covid19 rischio finanziario, economia rischio finanziario,

Il rischio finanziario

Una volta definito i nostri obiettivi e stabilito in base ai nostri desideri o disponibilità quando raggiungerli, ora vediamo qual è il nostro “modo” più ....

Una volta definito i nostri obiettivi e stabilito in base ai nostri desideri o disponibilità quando raggiungerli, ora vediamo qual è il nostro “modo” più congeniale. Misuriamo il nostro “grado di rischio”.

E’ ovvio che nessuno di noi vorrebbe veder sfumare i propri risparmi ed è anche per questo che molti risparmiatori non investono. Ma un nemico che si conosce si può combattere e quindi vi presento il rischio finanziario per abbattere lo spauracchio. 

Scartando il caso in cui il nostro investimento diventi carta straccia, a causa di un RISCHIO SPECIFICO, dovuto al puntare tutto su un solo titolo (di qualunque tipo si tratti) a cosa dobbiamo stare attenti?

Innanzi tutto al RISCHIO LIQUIDITA’ ossia di non trovarci nella condizione di aver bisogno dei nostri soldi e non poterne godere senza perderci (vedi commissariamenti di banche in fallimento o polizze vita con penali esose anche nei pressi della scadenza). Il nostro investimento deve essere facilmente smobilizzabile.

Ci sono poi il RISCHIO GEOGRAFICO e il RISCHIO SETTORIALE, che come quello specifico si annacquano diversificando bene i nostri investimenti in tutto il mondo e in tutti i settori dell’economia. Argomento della prossima lezione.

C’è poi il RISCHIO MERCATO. Che significa? Significa che comprato un piano di  investimenti, questo avrà vita propria a seconda di come va l’economia e il mio risultato dipenderà da quanta parte di mercato buono ho comprato in quel determinato periodo.

Abbiamo già detto che le obbligazioni di solito si muovono in base all’andamento dei tassi e che le azioni si muovono in base alle prospettive economiche di guadagno o recessione.

Quindi a seconda di quanto tempo abbiamo davanti dobbiamo mixare liquidità, azioni e obbligazioni, per ottenere il nostro risultato, ma dobbiamo anche capire qual è il nostro grado di “sopportazione” alle oscillazioni del valore del nostro investimento fino alla scadenza.

Sono certa che se vi dicessi che alla scadenza dei dieci anni di investimento vi potreste ritrovare ad aver raddoppiato il capitale sareste contenti, ma se vi dicessi anche che nel frattempo potreste vederlo dimezzato nel corso del tempo?

Nasce quindi il concetto di rischio/rendimento e cioè: quanto sono disposto a rischiare per vedere il rendimento che desidero?

La brutta notizia è che non esistono più investimenti senza rischio, venuta meno la tranquillità dei titoli di stato, la buona notizia è che il rischio si può calcolare, tranne in casi estremi, e che nel giusto tempo si può addirittura annullare con una buona diversificazione.

A testimonianza di ciò prendete ad esempio le classiche polizze garantite che alla scadenza vi restituiscono tutto il capitale più un rendimento che avete avuto anno per anno. Le compagnie di assicurazione fanno soldi per mestiere e non si farebbero incastrare in un contratto “a perdere” per il vostro bene ;)

Semplicemente calcolano quanto renderà il loro portafoglio e vi girano una parte dei guadagni, facendovi però pagare salate penali caso mai voleste venir fuori prima del tempo stabilito, perché hanno già fatto i conti.

La formula per calcolare il rischio di un portafoglio ve la risparmio, ormai esistono programmi che lo fanno e se deciderete di affidarvi ad un professionista del settore, sarà in grado anche di farvi vedere graficamente e numericamente come evolverà il vostro portafoglio dal caso peggiore a quello migliore, passando per il più probabile risultato, anche al 99% di probabilità e in archi temporali dall’anno in su. Tag:Covid19 rischio finanziario, Covid19 economia rischio borsa.

riskxs-1612981681.jpg
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder